Come fare una dissaldatura

Generalmente ci sono molte tecniche che vengono impiegate per attuare una dissaldatura, ma diciamo che le più utilizzate e anche le più ottimali per riuscire a dissaldare sono sostanzialmente due: quella a stantuffo, e quella che prevede invece l’utilizzo di fili in rame.

Per quanto riguarda la tecnica con la pompa a stantuffo presenta una pompa dalla forma cilindrica che ha un ugello sulla punta, l’ugello ha la funzione di aspirare il metallo sciolto in modo da andare essenzialmente ad eliminare la saldatura che era stata fatta. Questo strumento deve avere una grande potenza aspirante, è bene ricordare che dev’essere usato insieme ad una stazione saldante per funzionare. Quindi quando vogliamo dissaldare sarà sufficiente mettere il saldatore vicino alla saldatura su cui bisogna intervenire, quindi andare a sciogliere lo stagno che si era utilizzato per saldare e attivare la pompa a stantuffo. Il metallo verrà del tutto aspirato e la saldatura si romperà in maniera veloce.

Possiamo trovare anche delle trecce dissaldanti in rame, queste non sono altro che sottili fili in rame che vengono legati l’uno con l’altro in modo da riuscire a formare una sorta di striscia sottile. Diciamo che è una tecnica che appare più lenta della precedente, infatti dovremo ripeterla più di una volta, ma comunque ci consente ugualmente di ottenere dei buoni risultati. In questo caso non dovremo far altro che andare ad accostare la treccia in rame alla saldatura e di base nello stesso momento andremo ad avvicinare anche il saldatore caldo. In questo modo quindi il calore del saldatore verrà trasmesso ai fili in rame, farà fondere lo stagno. In questo caso gli spazi vuoti che intercorrono fra i fili della treccia riescono sostanzialmente ad assorbire lo stagno, e potremo portare a termine la dissaldatura.

Ovviamente però si tratta di un lavoro che può essere anche pericoloso e va fatto seguendo i regolamenti specifici. Ovviamente i vari motivi di pericolosità sono sostanzialmente legati al fatto che durante la saldatura possono essere emessi zampilli e scintille, questi possono causare scottature sulla pelle ma anche nel peggiore dei casi incendi, nel momento in cui dovessero venire a contatto con sostanze facilmente infiammabili. Inoltre va specificato che alcune tecniche si devono effettuare con la bombola del gas e questo è un ulteriore fattore di rischio.

Se volete conoscere altri consigli, oppure scoprire modelli di saldatore all’avanguardia consultate la guida seguendo il link https://saldatoremigliore.it/

Share